Il blog personale di Tommaso Baldovino, Web Designer a Firenze.

Non ti bastano gli ultimi post? Vai all'archivio, oppure guarda le mie foto.

 


17 Mar 10

0 Commenti

games

Blur, prova della demo su Xbox 360

Ho ricevuto qualche giorno fa l’invito a partecipare alla demo di Blur, un nuovo gioco automobilistico di Bizarre Creations in uscita su Xbox 360, Playstation 3 e Pc grazie ad Activision. Se pensate a qualcosa di simile a Gran Turismo o Forza Motorsport però siete sulla strada sbagliata: Blur non è una simulazione, ma un gioco di corse con power-up e scontri dove l’abilità di guida è solo uno dei tanti fattori da considerare.

Per fare un paragone con dei titoli del passato, i primi che mi sono venuti in mente sono stati Wipeout e la più recente serie dei vari Burnout, con la presenza dei power-up che inevitabilmente richiama anche Mario Kart. I modelli delle auto però sono reali ed i tracciati sono verosimili, cosa che permette a Blur di prendere i migliori elementi di vari videogiochi, assemblandoli in qualcosa di unico e decisamente divertente.

Nella mia prova ho finora totalizzato circa un’ora e mezzo di gioco sulle 3-4 piste disponibili. Completando le gare si ottengono fan, che equivalgono ai punti esperienza di altri titoli come Forza Motorsport. Passando di livello si ottengono bonus e nuove auto, che ovviamente hanno prestazioni migliori, spesso a scapito della manovrabilità.

La modalità di gioco più divertente della demo è sicuramente la gara fino a 20 giocatori: immaginatevi con altri 19 veicoli su piste veloci, ricche di armi, nitro, scudi e power-up vari ed avrete il quadro del gioco. A questo proposito, se volete dare un’occhiata a tutti i bonus utilizzabili in gara, c’è una pagina sul sito ufficiale che li raccoglie con tanto di descrizioni e strategie di utilizzo. Blur diventa veramente divertente proprio quando si iniziano a comprendere le logiche dei vari power-up, senza sprecarli alla prima occasione. Se la nitro è logico che vada utilizzata sui rettilinei, altre tecniche non sono così immediate: potrebbe convenire conservare uno scudo per il primo missile a ricerca (shunt) che vi viene indirizzato contro; inoltre alcuni power-up hanno diversi usi, come le mine che possono essere lasciate sul percorso ma anche sparate verso il giocatore che sta davanti.

Dopo aver visto la demo le premesse per fare di Blur un gran gioco ci sono tutte: è abbastanza chiaro che darà il suo meglio in multiplayer, ma ci sono anche altre modalità da considerare, come lo split screen per quattro giocatori in contemporanea.

Adesso non resta che attendere il 28 maggio per vedere se le aspettative saranno mantenute. La mia speranza è che i tracciati migliori debbano ancora essere presentati, così come i modelli di automobili (che comunque sono tutti esistenti, dalla VW Scirocco alla Ford Shelby GT500).

Se volete provare la demo, tenete sotto controllo gli account FriendFeed, Twitter e la Fan Page su Facebook del gioco, potreste avere facilmente il codice per scaricarla dal Marketplace Xbox.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=R01KBu-_ZRc[/youtube]

Tag: ,

Autore:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.