Il blog personale di Tommaso Baldovino, Web Designer a Firenze.

Non ti bastano gli ultimi post? Vai all'archivio, oppure guarda le mie foto.

 


Questo post è stato importato dal mio primo blog su Splinder, per conservare una parte del mio passato: potrebbero esserci problemi di visualizzazione o contenuti non aggiornati!

Prison Break, vista la prima serie

Ieri sera ho finito di vedere la prima serie di Prison Break, con qualche settimana di anticipo rispetto alla programmazione di Italia 1 perchè ho deciso di guardarmi le puntate in lingua originale. Sì ammetto che come affermazione suona un pò snob, della serie "io l’ho vista e voi no", ma che ci posso fare.. ero curioso.

Non ci sono comunque anticipazioni in questo post, state tranquilli.

Lo ammetto subito, questa serie mi ha sorpreso.
Se non la conoscete, racconta le vicende di un tizio che si fa arrestare e rinchiudere in un carcere per far evadere il fratello condannato a morte (ovviamente la condanna è ingiusta, logico no?).
E così man mano che tale Michael Scofield si da da fare per preparare la via di fuga, all’esterno ci sono avvocati che cercano di scoprire la verità, con tutte le circostanze del caso.

Avevo iniziato a guardare la serie per curiosità, solo in seguito ho scoperto che all’estero era molto seguita e sono rimasto coinvolto nella storia puntata dopo puntata.
Anche se ci sono alcune cadute di stile, la vicenda è interessante, e come nelle migliori tradizioni ogni puntata lascia in sospeso lo spettatore per far aumentare la voglia di arrivare alla fine.
Non arriverà ai livelli di Lost, ma se cercate un telefilm appassionante, dove ci sia un misto tra azione, avventura, una discreta dose di violenza e trovate alla McGyver all’interno di un carcere, Prison Break fa per voi.

Ah, non racconto come si conclude la prima serie, ma sappiate che è in programmazione la seconda negli Stati Uniti.

Autore:

5 commenti a “Prison Break, vista la prima serie”

  1. io lo sto seguendo da comune mortale…ma ogni mercoledì è poco.

    Ieri sera mi hanno lasciato di cacca…io DEVO SAPERE. -_-”

  2. E’ stata l’unica serie di cui HO DOVUTO comprare legalmente tutti gli episodi, ed è stato quando italia1 ha deciso furbescamente di far passare 4 mesi tra un episodio e l’altro.

    Mitica serie, quasi perfetta da tutti i punti di vista.

    E il finale è qualcosa di incredibile, nel senso che non puoi crederci che finisce così.. :-DD

  3. Vero.. io ormai sono diventato dipendente, sto seguendo la seconda serie in inglese :D

  4. Con i sottotitoli, I hope :O

  5. Sì, anche se con qualche sforzo dopo averci fatto l’abitudine si riesce a seguire abbastanza bene..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.