Il blog personale di Tommaso Baldovino, Web Designer a Firenze.

Non ti bastano gli ultimi post? Vai all'archivio, oppure guarda le mie foto.

 


Questo post è stato importato dal mio primo blog su Splinder, per conservare una parte del mio passato: potrebbero esserci problemi di visualizzazione o contenuti non aggiornati!

MUZ: musica e altre allucinazioni

Qualche tempo fa ho ricevuto grazie alla Fra la prima uscita di una rivista musicale appena nata ma già promettente: MUZ.
Qui accanto c’è la copertina del numero zero, da Gennaio inizieranno ad uscire i numeri ufficiali con più pagine e servizi.

Nel numero zero quello che colpisce è la lunghezza degli articoli. I servizi non sono molti, ma di peso, e sono utili per conoscere aspetti spesso nascosti degli artisti citati: in questo caso Franz Ferdinand, Bob Dylan, Billy Corgan, Afterhours e Bjork.
Non sono i soliti articoli scontati e banali, ma analizzano a fondo determinati aspetti che restano impressi, nel caso di Billy Corgan c’è anche un’intervista interessante con la traduttrice del suo libro di poesie.

Parlo solo adesso di questa rivista perchè ho appena scoperto che esiste anche il sito/blog, e dando una veloce occhiata si nota come sia aggiornato molto frequentemente e con notizie interessanti.
Considerando che MUZ si troverà anche nelle edicole (oltre che in librerie tipo Feltrinelli ed Edison qui a Firenze) potrei farci un pensierino e vedere se le prime positive impressioni che ho avuto avranno conferma.

Merita un commento a parte l’editoriale del numero zero, dove per presentare la testata viene usata la parola yuyin: "la sensazione del suono che resta in un orecchio dopo averlo sentito".

Autore:

6 commenti a “MUZ: musica e altre allucinazioni”

  1. OT: ieri sera ho visto le cronache di narnia, è fatto bene, fedele al testo, un buon lavoro, la swinton nel ruolo della strega bianca è veramente perfetta. certo, rimane un film molto per bambini – così come il romanzo, ma nn credo dluderà i fans di Lewis. L’unica pecca, o purtroppo grave, riguarda la versione italiana. Aslan è doppiato da Omar Shariff ed è una cosa vergognosa, ha un effetto comico devastante..sembra il Papa (quello morto..) Fai un po’ te, il Leone che parla straniero, dice male le parole e con la voce da messa…Considera che in originale lo doppia Liam Neeson! Quando ha iniziato a parlare sono scoppiata a ridere – e non solo io – nn ce la facevo +, mi ha rovinato l’atmosfera del film :( Ma perchè da noi fanno ‘ ste cose??

    Elisaday

  2. Grazie della vis(i)ta. Baci

  3. Grazie mille della visita e del commento sul “nostro” blog di grafica (heartdesire.slinder.com)!!!

    Grazie sopratutto da parte mia visto che il tempalte che ti è piaciuto è una mia creazione.

    E’ bello vedere che c’è gente che apprezza la portabilità e la scelta dei colori piuttosto che i layout tutti infiocchettati ma che poi funzionano solo su Explorer (browser che ho abbandonato da un pezzo ma che uso solo per testing).

    Umh, scusami per la mia gaffe un po’ ingenua, quanto ieri ti ho risposto (dicendoti che se volevi commissionarci un template eravamo contente di farlo) non sapevo che avevi questo bellissimo blog, più un sito, e che eri un web-designer!!!

    Non oserei mai: io sono solo un quasi ingegnere con la passione per la grafica!!! Qui si vola alto invece!!!

    Alla prossima allora!

    (sono volentieri accettati consigli per migliorare –> mi riferisco ai miei template)

    Gaia Luthien aka Wiz-Arts

    P.S. Bei gusti musicali e per gli anime (Edward Wong Hau Pepelu Trivusky IV è il mio mito)

    P.P.S. Il sito di Cowboy Bebop non si vede! Peccato!

    P.P.P.S. Eri anche tu al Palamalaguti il 29settembre2000? Che tempi!!!

    Furono grandiosi!!! ^__^

  4. Nessun problema per la “gaffe”, mi dovrei decidere ad aggiornare i miei siti che hanno un pò di link inesistenti :)

  5. Io invece ti ringrazio della dritta sulla rivista. La vado a cercare subito. Almeno qualcosa che esce dal monopolio Mondadori.

    FBRZ

  6. Grazie per la visita! Anche se in ritardo.

    Interessante la rivista. Vedrò di dargli un’occhiata se posso.

    Alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.