Il blog personale di Tommaso Baldovino, Web Designer a Firenze.

Non ti bastano gli ultimi post? Vai all'archivio, oppure guarda le mie foto.

 


Questo post è stato importato dal mio primo blog su Splinder, per conservare una parte del mio passato: potrebbero esserci problemi di visualizzazione o contenuti non aggiornati!

Company of Heroes – La Recensione

E’ una droga, non pensavo di caderci, ma Company of Heroes causa grave e preoccupante dipendenza.

Dopo aver provato la demo (da 1.8Gb!!) ed aver verificato che funzionasse tutto sul mio nuovo portatile, ieri ho comprato il gioco per potermi divertire anche in multiplayer.

E’ uno strategico in tempo reale, per chi si ricorda Command & Conquer lo stile è simile anche se ormai siamo nel mondo della grafica 3d. Tutto è ambientato nella seconda guerra mondiale, dall’ormai famoso sbarco in Normandia che nei giochi è sempre più inflazionato a partire da Omaha beach…

Nella campagna da giocatore singolo si guidano ovviamente gli Alleati, mentre nella modalità skirmish e multiplayer è possibile prendere il controllo anche delle forze dell’Asse.

C’è di tutto, dai carri armati Sherman ai Panzer, passando per cecchini che possono essere appostati nei palazzi, cannoni anticarro, granate, genieri e chi più ne ha più ne metta.

Company of Heroes prende gli elementi migliori di tutti gli strategici usciti fino ad ora ed il risultato è eccellente, non a caso ha preso voti altissimi su tutte le riviste del settore. Le unità possono essere upgradate, più restano sul campo di battaglia e più acquisiscono esperienza, insomma le possibilità sono infinite.

Unica pecca: se lo comprate fatelo per la modalità multiplayer, prenderlo solo per la modalità singola non varrebbe la pena. Fino al punto in cui sono arrivato sembra infatti più un grande tutorial fatto in funzione del multiplayer.

Inoltre per giocarci serve un computer ben attrezzato, fate conto che sul mio portatile con Intel Core Duo, Ati x1400 e 1Gb di ram devo giocare con i dettagli molto bassi. Ma tutto ha un prezzo, la grafica è strabiliante.. basti pensare che i filmati di intermezzo, a parte qualche eccezione, sono tutti realizzati con il motore grafico del gioco. Il secondo screen che ho messo in questo post è un esempio di quello che si può vedere.

Insieme a Company of Heroes nella confezione troverete anche Warhammer 40000: Dawn of War, un altro gran bel gioco, tutto al prezzo di circa 40€.

Adesso scusate, ma devo tornare a conquistare Cherbourg..

Autore:

3 commenti a “Company of Heroes – La Recensione”

  1. Lo proverò.

    Ci dici qualcosa sulla velocità di gioco e la gestione delle risorse ?

    Tipo “La battaglia per la terra di mezzo”? Conosci? :)

  2. Drogatino!:D

    Però sono curiosa,prima o poi mi farai vedere come funziona il tutto. ^_^

  3. L’impostazione del gioco è abbastanza tranquilla, ci sono momenti concitati, ma non è uno dei titoli più frenetici che ho visto.. c’è di peggio.

    Le risorse sono 3, manodopera, munizioni e carburante, ed aumentano nel tempo possedendo i territori contrassegnati dall’icona corrispondente. Più territori si hanno, più le risorse aumentano velocemente.

    Non conosco “La battaglia per la terra di mezzo”, sorry :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *