Il blog personale di Tommaso Baldovino, Web Designer a Firenze.

Non ti bastano gli ultimi post? Vai all'archivio, oppure guarda le mie foto.

 



Questo post è stato importato dal mio primo blog su Splinder, per conservare una parte del mio passato: potrebbero esserci problemi di visualizzazione o contenuti non aggiornati!

Lo scandalo del calcio

Da giorni ci troviamo di fronte a rivelazioni inquietanti che riguardano il mondo del calcio.
La cosa paradossale è che sono cose che tutti avevano davanti agli occhi, e gli scandali che scoppiavano per rigori non dati o gol annullati avevano un’ottima ragione per esistere, ragione che adesso è saltata fuori prepotentemente con la questione delle intercettazioni telefoniche.

In una situazione del genere il mio stato d’animo è veramente a terra, parlando soprattutto da tifoso. E lo dico indipendentemente dalla fede calcistica, perchè dubito che in Italia ci possa essere qualche vero appassionato di calcio con buoni motivi per essere felice.
Quello che sta succedendo ha ammazzato il gioco: se prima il calcio era agonizzante adesso è stramazzato a terra e ci vorrà qualcosa di più di una veloce rianimazione per riportarlo in vita. Come qualcuno ha detto, il giocattolo si è rotto definitivamente.

Cosa dire adesso ai milioni di tifosi come me, che si sentono traditi ed ingannati? E che dire a tutti i giocatori di totocalcio, agli scommettitori, a chi paga l’abbonamento allo stadio o a Sky per vedere le partite?

Parlando delle questioni che riguardano più strettamente la Fiorentina, aspetterò a pronunciarmi.
Tutto è possibile a questo punto: se davvero la Juventus finirà in B ci si potrà aspettare qualsiasi cosa. Una volta toccato il vertice, non c’è da prevedere alcun atto di clemenza, se delle partite sono state comprate chi è coinvolto deve pagare in ogni caso, e poi se la dovrà vedere con la rabbia dei tifosi.
Sono veramente schifato da certi striscioni che ho visto, mi chiedo come sia possibile affermare che "Il fine giustifica i mezzi" anche in casi come questo.
Per non parlare poi dell’ipocrisia di certa gente o di alcuni giornalisti, che adesso si pongono a paladini della giustizia quando anni fa il presidente della loro squadra regalava Rolex d’oro agli arbitri.

Speriamo che il Mondiale ci dia un mese di respiro in modo da distrarsi da questo scandalo, ma sarà dura se non impossibile dimenticare quanto sta succedendo.
La vera necessità in questo momento è che vengano puniti TUTTI i colpevoli, nessuno escluso, perchè l’unica cosa di cui il calcio ha bisogno è ricominciare da zero, con nuovi vertici e delle nuove figure a rappresentarlo.

2 commenti a “Lo scandalo del calcio”

  1. Che gli zebrati rubassero, non è una novità; ricordo uno spassosissmo striscione (credo a Empoli) nell’anno del centenario della Juventus che suonava così: “SONO CENT’ANNI CHE RUBATE…..BUON COMPLEANNO”

    Purtroppo io penso che al massimo gli daranno tre punti di penalizzazione, da scontare con il prossimo campionato di serie A, e che non li retrocederanno, usando la scusa che agendo diversamente “rovinerebbero” i poveri cittadini azionisti…… Ve la immaginate la Juve come Vanna Marchi, che carpisce la buonafede dei poveri vecchietti “ammalocchiati”?

  2. Sarebbe veramente assurdo vedere la Juve penalizzata solo di pochi punti, una bella farsa..

    Ridicolo comunque che ci sia ancora gente che non lascia la poltrona (vedi Galliani).

Scrivi un commento

Ultimo Video Preferito